Di cosa si tratta?

#Esserci è un progetto di storytelling della memoria storica dedicato all’ex Ospedale Psichiatrico Consortile “Vittorio Emanuele II”. È un progetto ideato e organizzato dall’associazione LAMIA Cultura, un team di progettisti di marketing territoriale multimediale impegnati nell’area di Nocera Inferiore (Sa).

Gli obiettivi del progetto sono:

  • sensibilizzare sul tema della malattia mentale;
  • recuperare il valore storico, culturale, sociale, antropologico dell’OPC;
  • ricostruire e rafforzare il legame identitario dei nocerini sulla storia dell’OPC e sui personaggi storici
  • raccontare alcune storie della struttura manicomiale per restituire dignità e umanità ai pazienti dimenticati.

LANCIO DEL PROGETTO

L’idea del progetto #Esserci è nata a luglio 2019 ed è stata annunciata alla comunità cittadina con un evento di performance di arte collettiva nel centro storico di Nocera Inferiore (supportato dal Comune di Nocera Inferiore, dall’Asl Salerno e dalla Fondazione Onlus CeRPS).

Programma dell’evento:

  • performance di arte collettiva su manichini (in gentile concessione dalla Art Gallery Room di Massimo Tramontano) (guarda le foto)
  • proiezione del primo teaser spot (scritto e diretto da Fausto Cianciullo)
  • reading teatralizzato (a cura di JamPoetry: Michela Galise, Marina Bellucci, Andrea Torre) di estratti dalle Lettere di Annalisa, brandi di pazienti del manicomio ritrovati in vecchie cartelle cliniche, trascritte e pubblicitate dal fotografo Giacomo Doni.

Il progetto è stato presentato ufficialmente nella sua definitva forma multimediale il 24 febbraio 2021 presso Baccaro Art Gallery di Pagani (Sa).

 

La mostra è un viaggio bi-sensoriale e multimediale nel mondo della sofferenza mentale, combinando arte visuale e audio-storytelling:

  • esperienza visiva: sono esposte 24 tele del pittore surrealista torinese Rocco Forgione che rappresentano volti di pazienti dell’ex Ospedale Psichiatrico di Collegno (Torino);
  • esperienza uditiva: 5 storie su canale podcast, ispirate a personaggi dell’ex nosocomio nocerino da attivare inquadrando un codice QR-code abbinato tramite smarthpone o tablet, e da ascoltare in cuffia. Sono brevi monologhi scritti da storyteller e recitati da attori professionisti, studiando e rielaborando materiale storico sul manicomio e su stralci di autentiche vecchie cartelle cliniche storiche, custodite e gentilemte concesse dalla Fondazione CeRPS

Al termine dell’esposizione presso la Galleria di Pagani, le tele di Rocco Forgione sono partite per la mostra Silentium (13 marzo-4 aprile 2022) allestita su tre isole della laguna veneta, a cura della Fondazione Bosis, in occasione della pre-Biennale di Venezia 2022; anche le 3 audio-storie sono state richieste per accompagnare la collezione del pittore in questa esposizione e far diffondere il progetto Esserci al nord Italia. 

Di cosa mi sono occupato?

Ho scritto i testi di 3 audio-storie del progetto:

Raffaele e Rosetta («Io mi chiamo Raffaele e Rosettanon l’ho mai dimenticata…»), recitata dall’attore Alessandro Gioia

Il dott. Mario Levi Bianchini («Tutto è sintomo, le pieghe dei lorovolti, le frasi sconnesse, i silenzi interminabili…»), recitata dall’attore Luigi Fortino

Francesco, il pescatore di Cetraro («Davanti a quell’orrore, antonì, io non ci ho visto più… »), recitata dall’attore Mirko Iaquinta.

Ogni testo è stato scritto in forma di monologo sceneggiato, con una trama interna sulla storia principale del personaggio. Si tratta di intensi e brevi flussi di coscienza che aprono una finestra memoriale sui sentimenti, sul dolore, sulle emozioni e sui ricordi del personaggio.

Prima di redigere le battute del monologo, è stato necessario costruire un’apposita scheda identikit del personaggio, calibrando dati e materiale di ricerca con elementi di finzione narrativa (biogafia, contestualzizazione cronologica e geografica, spinte motivazionali e punto di vista). Inoltre ho fornito suggerimenti per i toni emotivi e le pause da rispettare nella recitazione, e per l’inserimento di effetti sonori.

Esserci diventa anche un laboratorio didattico nella scuola

Per il PCTO Laboratorio didattico “Esserci – Formazione e divulgazione” organizzato dalla startup LAMIA su richiesta della Dirigente scolastica del Liceo scientifico “N. Sensale” di Nocera Inferiore (SA) per le cassi III F e III G, ho proposto un workshop interattivo in aula (17 maggio 2022) per raccontare la mia professione di storyteller e la progettazione delle audiostorie Le voci dell’esserci.

Ho progettato il mio laboratorio come un viaggio di esplorazione interattivo di 2 ore suddiviso in tre tappe-livelli con la missione di sbloccare i tre “ingredienti magici” che ho utilizzato per progettare e scrivere le audiostorie. Per completare la missione gli alunni hanno dovuto esplorare e apprendere i contenuti del multiverso dello storytelling, dell’universo dello storytelling culturale e del micromondo del Progetto Esserci. Ho utilizzato meccaniche di gamification per renderle il workshop più coinvolgente, stimolante e partecipativo: badge, punteggio, classifica, quzi time, bonus, sblocco di elementi, percorso multilivello, avatar.
In particolare, ho strutturato i contenuti del secondo livello con esempi e riferimenti alla città di Nocera Inferiore per esaminare e stimolare il senso di appartenenza ai luoghi e il grado di conoscenza del patrimonio culturale locale.

Può essere utile ad altri? Condividilo!